Da un abbraccio a... un crowdfunding per Nicosia

lunedì 16 aprile 2012

E ora un po' di gloria...

Per partecipare tutti insieme della bellezza dei commenti che avete lasciato nei giorni di festa e che continuano ad arrivare... e per ringraziarvi dell'affetto dimostrato, ecco alcuni dei vostri pensieri:
Bellissimo pomeriggio tra le camelie... Grazie!
Grazie per la bella giornata che ci avete regalato ;-)
Grazie per l'emozione che ci avete permesso di vivere e le splendide esperienze condivise... questo è veramente credere in qualcosa e coltivare passioni: si respirava in ogni angolo di quel meraviglioso complesso architettonico, attraverso il verde dell'oliveto e i muri scrostati che parlavano di storie passate ma anche di voglia di futuro. E il futuro siete voi con quell'amore, quell'attenzione, quella delicata ed elegante leggerezza che avete messo nell'attenzione ai particolari ed agli arredi. Essendo assaggiatrice di olio ed associata ASCOE (Pisa), sono venuta spesso a Calci in occasione di manifestazioni riguardanti la promozione dell'extravergine di oliva, ma non pensavo che, a parte la Certosa, potesse esserci una tale tesoro nascosto. Bisogna dargli visibilità e farlo conoscere. BRAVISSIMI!!! 
Grazie a voi, al vostro impegno per renderci partecipi di questa splendida iniziativa. Molto bella anche l'escursione "dalla steppa alla foresta", un grazie particolare ad Adolfo Cappelli che ci ha accompagnato. A presto!
Grazie e complimenti per la manifestazione. Alla camelia che ho comprato si sono aperti i boccioli ed è meravigliosa. 
Come sempre avete valorizzato Nicosia! Grazie per quello che avete fatto e per quello che farete! Grazie davvero e complimenti!
Deve essere stata una festa veramente speciale, a vedere foto e commenti!
Mi vengono in mente le sagre di secoli fa, quando la gente da paesi lontani si incontrava una volta all'anno per scambi e socializzare, fare festa :D... mi dispiace molto non avere potuto partecipare... 
Complimenti a tutto il comitato per la riuscita della festa.
Grazie per consentire a molti di noi di immaginarsi ancora in mezzo a quella festa.
Vi ringrazio perchè siete stati tutti eccezionali e perchè mantenete alta l'attenzione su un bellissimo monumento che senza di voi sarebbe già stato condannato all'oblio.
Splendida festa, ma la cosa più bella per me è stato rivedere Nicosia viva.
In realtà siamo tutti noi che vi ringraziamo per darci la possibilità di rivedere restituita (almeno una volta l'anno), la dignità che Nicosia si merita. 
Io e mio marito abbiamo visitato sabato scorso la manifestazione "Le camelie del chiostro"; ci è piaciuta molto, abbiamo partecipato anche alla passeggiata lungo le mura del convento.
Grazie a tutti voi per le due splendide giornate!
Grazie mille! Complimenti per la manifestazione.
 
 
 
 

venerdì 6 aprile 2012

Le immagini della festa!
























Sono finalmente on-line le immagini della festa!
E' possibile visionarle sia come galleria classica che come slideshow.
Qui sotto i due links:

GALLERIA

SLIDESHOW

Ricordo inoltre a tutti il concorso fotografico ed i suoi succulenti premi!
Partecipate numerosi!

lunedì 2 aprile 2012

Dopo la festa

Quando si chiude il sipario, quando finisce una festa, quando si spengono le luci pare che tutto termini.
Così anche stanotte, quando Nicosia è tornata nello stato in cui si trova quasi tutto l'anno. Silenziosa, sola, deserta.
Nicosia si prepara per mesi alla festa primaverile, al momento magico in cui le due camelie - signore del chiostro - schiudono i loro fiori rosa e bianchi, esplodendo in tutta la loro meraviglia.
E' la natura che si risveglia, a Nicosia come in ogni luogo, in tutta la sua forza.
E ' la primavera che si annusa nell'aria, è la giornata di tiepido sole che ti invita a stare fuori, è il corpo che si toglie l'inverno di dosso. E' la luce che ti sveglia la mattina e che ti spinge a scendere dal letto e a spalancare la finestra.
La natura si prepara per mesi a questo momento, così come Nicosia.
Forse può dispiacere un po' vedere le centinaia di persone che scendono la stretta strada tra gli olivi,  che tornano alle loro case con una camelia in braccio, capire che la festa è finita, chiudere il cancello del chiostro e lasciare le due camelie nel silenzio.
Ma il sorriso dei volti, la gioia dei bambini, le risate e le chiacchiere fatte sorseggiando un buon bicchiere di vino, i passi che hanno calpestato il sagrato e i dintorni, le danze e le musiche, i giochi, le emozioni e molto altro  ancora sono quello che rimangono nelle mura del convento. E nei cuori di chi ha vissuto queste due magiche giornate...

Un grazie di cuore a tutte quelle persone (e sono veramente tante) che hanno collaborato in vario modo e con grande disponibilità ed entusiasmo alla riuscita della festa.